Backlist

Backlist #2 – la playlist del weekend

Anche questo venerdì di ferragosto vi suggeriamo alcuni brani da ascoltare nel vostro fine settimana, più o meno vecchi, più o meno nuovi, ma comunque con un loro perché. Fateli sentire un po’ anche ai vostri amici, magari ne viene fuori la colonna sonora della vostra estate (soprattutto se siete in viaggio).

Lui è Phil Selway, è il batterista dei Radiohead e ad ottobre uscirà il suo secondo album senza la compagnia di giro. Il disco si chiamerà Weatherhouse. Due settimane fa ha pubblicato il video del primo singolo, Coming Up for Air, che è stato realizzato da NYSU. “NYSU è riuscito a fare un buon lavoro, un video che sta in piedi da solo, indipendentemente dal brano ma comunque in armonia con esso” – ha detto Selway.

 

Ieri gli Alt-J hanno pubblicato il terzo super pezzo estratto dall’album This is all yours che uscirà integralmente a settembre. Questo si intitola Every Other Freckle. Scusate, ma non potevamo non suggerirvela.

 

Loro invece sono i Centauri, un trio psych-folk/lo-fi composto da Superfreak, Massimo de Luca e Tab Ularasa. Il loro album omonimo (Centauri – Centauri) è uscito in free download via Lepers Productions. Otto tracce, 25 minuti di sbracamento, scorribande noise malinconiche, fra Syd Barrett, Flaming Lips ma anche Tom Waits e Julie’s Haircut.

Mentre qui potete ascoltare in streaming tutto il disco

 

Loro invece sono i Ratatat, un duo newyorkese di musica elettronica che ha totalizzato finora due album e due LP. Questa traccia, Loud Pipes, è tratta dal loro primo lavoro intitolato proprio come il nome del gruppo Ratatat, e che risale a ben dieci anni fa. Nel 2010 hanno supportato dal vivo i Vampire Weekend. 

 

Dopo quella perla assoluta che fu nel 2011 Diamond Mine (con Jon Hopkins, che era nella prima Backlist), seguito da altre due creazioni notevoli nel 2013 (That might well be it, darling e Sure & Steadfast) il prolifico song writer scozzese ha pubblicato il suo 42esimo album, From Scotland with Love, colonna sonora del docufilm girato dalla regista neozelandese Virginia Heat. Un viaggio incredibile (talvolta retrò, talvolta egregiamente adeguato ai tempi). Un po’ di kraut-folk, un valzer qui e una polka là. Imperdibile.

 

Infine un bel pezzo giusto giusto per il clima festoso di Ferragosto. Loro hanno bisogno di poche presentazioni, resi celebri dalla loro Home, recentemente usata anche per qualche spot pubblicitario. Questa è 40 day dream primo singolo (2009) della gremita band capitanata da Alex Ebert, che tra le altre cose è ex-componente del gruppo Ima Robot, quelli della sigla di Suits. Consigliamo, dopo l’ascolto di questo pezzo, di mettervi sul pavimento suonando ciò che vi capita a tiro e sbizzarrirvi come fanno loro.

Annunci

2 thoughts on “Backlist #2 – la playlist del weekend

  1. Pingback: Backlist #7 – la playlist del weekend | Backpack

  2. Pingback: Backlist #9 – la playlist del fine settimana | Backpack

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...